20 - canalizzazione del 16 ottobre 2019 - animaceleste.it

Canalizzata il 18 ottobre 2019

 

 

Il dolore che senti provenire dal profondo del tuo cuore, riguarda il fatto che sai perfettamente di non appartenere a questa Terra a questo mondo ma di venire da tanto lontano. Questa vita da te considerata sprecata in una terra a te straniera in realtà porterà alla tua anima tantissimi frutti, frutti fatti di esperienza e di riscoperte di antichi talenti .

Si perché mia cara la tua anima è antica e saggia. Ma ti sei chiesta questa saggezza da cosa è data? Da cosa proviene? Dall’esperienza che la tua anima si è prefissa di fare nelle tue vite passate presenti e future… si perché qui non si parla solo in termini di passato ma anche di futuro il futuro che per voi umani viene concepito come qualcosa che avverrà poi, in realtà è già tutto successo le linee temporali su cui vi basate voi non sono per niente affidabili, ma vi rende presenti a voi stessi nel pianeta in cui vivete, vi rende ‘burattini’ nel concepire che tutto ha uno schema e una logica.

Seppur La Fonte possiede una logica ma non è certo quella che considerate voi da esseri umani, la Logica Divina è tutt’altro si basa sull’amore e sulla misericordia vi vuole chiamare tutti a sé per tornare all’Uno da dove siete partiti.

Il dolore che senti pertanto nel tuo cuore e nella tua anima è questa mancanza dell’Uno, del ritorno alla Fonte Divina che è insita dentro a ogni cuore ma che non riesce a trovare pace in quanto crede di trovarla all’esterno del proprio IO e della propria coscienza. Non è un luogo è uno stato d’animo di pace e di gioia incondizionati.

L’anima compie questo lunghissimo viaggio… prendendo ad esempio la vita umana, il bambino viene concepito, si forma nel ventre della madre nasce, cresce, fa esperienza e alla fine del viaggio torna alla Casa Celeste da cui è partito.

Per l’anima è uguale accumula saggezza nel viaggio di ritorno verso casa, ma è un viaggio molto più lungo di quello che vivete voi da esseri umani. La Fonte Dio Madre/Padre con la sua innata amorevolezza crea e concepisce le anime, siamo tutti figli di Dea/Dio, Madre/Padre che concepisce l’anima. Il figlio, ovvero quando l’anima nasce, le esperienze che fa sono limitate alla sua tenera età impara a guardare il mondo protetto dall’incommensurabile amore che solo una Madre/Padre può dare, poi man mano che cresce, c’è sempre di più lo stacco e come un bambino umano che si sente abbandonato giorno dopo giorno dai genitori che lo indirizzano sempre di più verso la vita individuale dove dovrà trovare sé stesso in un mondo pieno di insidie dove da queste insidie dovrà lui stesso trovare un proprio equilibrio facendo appunto esperienza. Questa esperienza non serve solo a lui ma serve a tutti i Fratelli, e ai futuri studenti che avrà nel corso della sua esistenza come anima¹. Come un bambino umano anche l’anima parte dall’asilo nido, protetto dalla amore e dalla pace vive la sua vita giocando e coccolando il suo bambino interiore che gli sarà fedele per sempre qualora lo si ascolti. Man mano che l’anima cresce e accumula saggezza, le esperienze vengono via via sempre più difficili e in un crescendo di intensità. L’anima appena sarà pronta al rientro e al ritorno all’Uno, dove la sua esperienza servirà non più solo a qualche anima ma a un collettivo piuttosto grande. Ritornerà all’Uno dove questa saggezza accumulata ad altra saggezza splenderà nell’eternità. Questo significa non sentirsi più abbandonato.

L’amore e la gioia che si proverà quando l’anima ritornerà all’Uno avrà ricompensato le mille fatiche e sofferenze che l’anima ha subito per accumulare tanta saggezza e sapienza.

Non dovete vedere pertanto le esperienze che fate come una brutta cosa, nel possibile cercate di vedere nel disegno e nel progetto divino qualcosa di più grandioso, dove la Fonte ha bisogno di tutti i suoi figli uno ad uno che tornino a Lui/Lei per un ricongiungimento armonioso e ricolmo di amore Divino. I tempi sono maturi per elaborare queste preziose informazioni, non sono più tempi in cui queste informazioni erano circoscritte a soli pochi senzienti ed illuminati, i tempi dicono che tutti indistintamente sono in grado di leggere ed assimilare tali informazioni, ci sarà chi sarà più restio per natura o per propria volontà esperienziale ma nel profondo del cuore ogni anima sa dove si trova la verità tanto nascosta, quanto sempre rimasta alla luce del giorno per secoli.

Quindi vivete questa vostra vita ed incarnazione da protagonisti evitate di sprecare la possibilità di accumulare altra saggezza, la vostra anima ha sete di conoscenza e di illuminazione. Prendetevi per mano² e affrontate la vita come la vostra anima ha deciso di fare. Basta ascoltarvi nel silenzio e le risposte o gli aiuti arriveranno.

Gioite e abbiate gratitudine per questa importante esperienza e traete da tutto questo, quanto più saggezza possiate succhiare dal nettare della vita.

Non occorre tornare all’Uno per ritornare alla pace e alla gioia, quando il vostro percorso terrestre sarà finito e tornerete alla Casa Celeste, per vedere se e come avete svolto i compiti, già lì, per un medio – lungo periodo³ tornerete a un esistenza fatta di amore sconfinato e incondizionato.

Come la pioggia, la vita da incarnati non dura per sempre ma vi dà la possibilità di concretizzare quell’ottimo lavoro per cui la vostra anima si è tanto impegnata a progettare.

Ci rendiamo conto cara sorella che i messaggi ultimamente non sono semplici ma l’essere umano ha fatto un salto di qualità non indifferente, nuove strutture si  sono affacciate nei vostri cuori e nuove strutture generano nuovo modo di concepire e capire le cose.

Siete sempre nei nostri cuori e per qualsiasi cosa ricordatevi che noi siamo qui per aiutarvi a rendere questo viaggio terrestre straordinario e a manifestare e concretizzare le aspettative della vostra anima.

Un caro saluto, i Fratelli di Luce ♥

 

Anima Celeste

 

¹ Figura dello Spirito Guida

² Prendete per mano la Vostra Anima

³Il tempo non è da considerarsi come termine di paragone a quello terreste. 

 

www.animaceleste.it - bordo articolo

Il riassunto, la citazione o la riproduzione debbono essere sempre accompagnati dalla menzione del titolo dell’opera, dei nomi dell’autore, dell’editore e, se si tratti di traduzione, del traduttore, qualora tali indicazioni figurino sull’opera riprodotta. (art. 70 della Legge sul Diritto d’Autore comma 3)”

 

Fonte immagine: https://occhicolornatura.wordpress.com/2014/10/26/firmamento/